lunedì 12 febbraio 2018

Scarpe da notte a maglia: secondo modello

Sabato sera è finito il Festival di Sanremo e, com'è ormai consuetudine per me (vedi tutti i SAnREMO in maglia fatti negli anni scorsi insieme a tante amiche bloggers magliste come me), l'ho guardato con un lavoro a maglia in mano.  
Si tratta di un altro paio di scarpe da notte, stavolta realizzate per mia nipote.



Volevo testare il modello di Annarella di cui  parlavo nel post precedente e perciò ho seguito il video passo passo. Devo dire che questo modello è più facile e pratico di quello di cui ho dato le spiegazioni io, ma c'è qualcosina che modificherei se lo dovessi rifare.
Se osservate la foto sotto, dove si vedono le babbucce indossate, noterete che la parte del tallone è troppo corta.  

A mio avviso, ciò è dovuto al fatto che le diminuzioni sul tallone dovrebbero essere iniziate qualche ferro più avanti. Annarella le inizia troppo presto ed ecco perché la scarpetta "tira" sul tallone. 
Farò notare questo problema e la soluzione che propongo ad Annarella, ma le dirò anche che il modello è valido e vale la pena provarlo.

Quanto al Festival di Sanremo, devo dire che mi è piaciuta molto la direzione artistica di Baglioni. Bravissimi i conduttori che ha scelto. E poi è stato finalmente un festival dove le canzoni, in gara e non, sono state le protagoniste. Niente cabaret nè televendite, niente lunghe interviste ad attori e attrici, regine, astronauti e premi nobel...ma solo tanta bella musica. Le nuove proposte sono state finalmente valorizzate facendole esibire ad un orario decente e non a notte fonda. Se proprio devo dire qualcosa di negativo, le canzoni dei giovani erano quasi tutte rap, che è un genere che proprio non digerisco. Ma sono i miei gusti che non sono al passo coi tempi. Penso che il pubblico giovane le abbia apprezzate. La canzone vincitrice invece mi piace molto: bella la musica e profondo il testo. Il resto della classifica conta poco. Come sempre le canzoni davvero belle verranno fuori con il tempo, dopo ripetuti ascolti che permetteranno di apprezzarle meglio. 

lunedì 29 gennaio 2018

Scarpe da notte della nonna a maglia: spiegazione

Mio cognato mi ha richiesto un paio di scarpe da notte uguali a quelle che, diversi anni fa, gli aveva fatto sua madre. E' un modello tradizionale che più o meno tutte le nonne siciliane sapevano lavorare. Ricordo che mia suocera ne fece diverse paia per i miei figli.
Ma io non ne avevo mai lavorato neanche un paio. Ho cercato una spiegazione sul web, ma non ne ho trovate. E allora mi sono messa davanti una delle vecchie scarpe da notte di mio cognato e ho copiato il modello. Non so se il procedimento sia proprio corretto e purtroppo tutte le esperte di maglia della mia famiglia ormai non ci sono più. Quindi mi tengo il dubbio di aver sbagliato qualcosa. Ma le scarpe le ho portate a termine. Eccole qua, in acrilico color tortora, lavorate con ferri n. 3 per la parte a coste e n. 4 per il resto.



Eccovi una spiegazione per ottenere delle scarpe da uomo adatte ad un piede che va dal 39 al 43. Per misure inferiori o superiori, ridurre o aumentare i punti in proporzione.
Occorrente
un gomitolo da 100g di filato che si possa lavorare con ferri dal n. 3 al n. 4. Vi avanzerà un po' di filato. Come ho già detto, io ho usato dell'acrilico di buona qualità e i ferri n. 3 per la parte a coste e  n. 4 per il resto della lavorazione.
Ago da lana per eseguire le cuciture e per nascondere i fili.
Forbici.

Spiegazione
Avviare, col metodo che preferite (io uso il long tail cast on, cioè l'avvio con una lunga coda di filo che si fa come vedete in questo video di Emma Fassio o in questo video, di Luna dei creativi, che è per principianti. Vi insegno un paio di trucchi: per stabilire la lunghezza della coda moltiplicate per tre la lunghezza del lavoro che volete iniziare e abbondate un po'. Inoltre, per non ottenere un primo giro che "tira", avviate le maglie non su un solo ferro, ma su due ferri uniti insieme. Alla fine sfilate uno dei ferri e avrete dei punti della larghezza giusta, che non tireranno. Ricordate però che ci sono anche altri metodi. Guardate questo di Oana Oros ad esempio, che non ha bisogno della coda di filo), 70 punti + 2 per i vivagni (il punto iniziale e quello finale. Sono facoltativi. Se volete potete anche ometterli)
Lavorare a coste 2/2, cioè alternando due diritti e due rovesci e lavorando in ogni ferro le maglie come si presentano.
Raggiunta la lunghezza desiderata per la parte che resterà aderente alla caviglia (io ho lavorato a coster per circa 15 cm. Considerate che le scarpe da notte possono essere indossate così come le vedete in foto oppure con il bordo a coste risvoltato), lavorare un giro a foretti per potervi passare un cordoncino da annodare. Questo giro si lavora nel modo seguente: *lavorate insieme a diritto le due maglie che si presentano a diritto, un gettato, lavorare a rovescio le due maglie a rovescio*. Continuare così fino alla fine del ferro. Poi lavorare 3 ferri a maglia rasata diritta e tre ferri a maglia rasata rovescia. 
A questo punto, staccate il filo e mettere in attesa su uno spillone (esistono degli spilloni di sicurezza adatti allo scopo, ma va bene anche una grossa spilla da balia o del filato di colore contrastante) la m. di vivagno e 25 punti, riattaccate il filo e lavorate solo i 20 punti centrali, mettete in attesa anche i rimanenti 25 punti e la m. di vivagno. Continuate a lavorare solo sui 20 punti centrali alternando sempre 3 ferri a m. rasata diritta e 3 ferri a m. rasata rovescia fino ad arrivare all'incirca alla punta delle dita. Io ho lavorato 10 gruppi di 3 ferri a m. rasata rovescia e 10 gruppi di 3 ferri a m. rasata diritta. Poi bisogna spezzare il filo (lasciando i 20 punti sul ferro senza chiuderli) e riattaccarlo alle maglie lasciate in sospeso. Dovreste trovarvi sul diritto del lavoro alla fine di un gruppo di 3 ferri a m. rasata diritta, quindi lavorate a rovescio. Giunti alla fine dei punti precedentemente lasciati in sospeso, riprendere sul lato destro della striscia centrale circa 30 maglie, 20 saranno le maglie che avrete sul ferro sinistro e le lavorerete a rovescio (se volete dare una forma leggermente arrotondata alla punta della scarpa eseguite una diminuzione all'inizio e una alla fine di questo gruppo di 20 maglie lavorando due maglie insieme e riducendole quindi a 18. Io non l'ho fatto, ma lo farei se dovessi lavorare un altro paio di queste scarpe).  Riprendete 30 maglie sull'altro lato della striscia centrale e lavorate a rovescio le 25 maglie + vivagno che avevate lasciato in sospeso sull'altro spillone. 
Continuate la lavorazione a m. rasata rovescia per altri due ferri, poi per 3 ferri a m. rasata diritta, per altri 3 ferri a m. rasata rovescia e infine per 3 ferri a m. rasata diritta. A questo punto chiudete le maglie laterali e lasciate solo le 20 maglie centrali (o le 18 m. centrali se avete eseguito le due diminuzioni). Continuate a lavorare a maglia legaccio (tutti i ferri a diritto) fino a completare la lunghezza della suola (io ho lavorato 86 ferri a diritto) e chiudere tutti i punti lasciando una coda di filo che vi servirà per la cucitura.  Per chi non sapesse chiudere i punti ecco un video che vi aiuterà.
Con l'ago da lana cucire prima la parte a coste sul retro della scarpa e proseguire cucendo anche il tallone. Fate attenzione a fare la cucitura ben piatta. Dopo cucire la suola tutto intorno e, anche in questo caso, eseguite una cucitura piatta, che non produca uno spessore che potrebbe risultare fastidioso. 
Infine nascondere bene tutti i fili all'interno della lavorazione aiutandovi con l'ago da lana. Tagliare i fili.

Di recente ho trovato un modello simile spiegato in un video di Annarella gioielli su youtube. Potrebbe essere utile per imparare a riprendere le maglie e per imparare a fare la cucitura piatta. 
A differenza del modello che ho spiegato  in questo post, il modello spiegato nel video è lavorato con punti diversi (legaccio e punto riso) e non ha la suola lavorata come ho spiegato io, ma viene lavorata con delle diminuzioni e la cucitura risulta al centro della suola. 

ATTENZIONE: queste spiegazioni non sono state testate, quindi se doveste riscontrare degli errori, segnalatemeli pure in modo che io possa apportare le eventuali correzioni.


martedì 23 gennaio 2018

Facciamo swap?

Sapete cos'è uno swap, vero? E' uno scambio di doni, di cui almeno uno fatto a mano ispirandosi ad un tema ben preciso. Sul forum Isola creativa sono aperte le iscrizioni al primo swap dell'anno.
Il tema è "Pizzi e sfizi". Il dono fatto a mano potrà essere realizzato con qualsiasi tecnica, purché si utilizzi del pizzo come decorazione o rifinitura. C'è tempo per iscriversi fino a giovedì 25 gennaio. ma per chi si iscrive al forum per la prima volta ci sarà tempo fino a sabato 27. Domenica saranno comunicati gli abbinamenti segreti e le spedizioni saranno effettuate entro il 20 febbraio.
Questo è il logo dell'iniziativa:


immagine  tratta da questo sito  
Per partecipare cliccate qui. Vi aspetto!

giovedì 18 gennaio 2018

Premio finale del Calendario dell'Avvento dell'Isola creativa

Proprio oggi, il premio finale del Calendario dell'Avvento del forum Isola Creativa è arrivato nelle mani della vincitrice . La fortunata quest'anno è stata Clara del blog Cannella e mele, che ringrazio per aver scattato questa bella foto.



Il premio è stato realizzato da me medesima e l'ispirazione mi è venuta proprio da una delle idee creative inserite nel Calendario.
Ho copiato il ricamo a Broderie Suisse visto qui e l'idea per la rifinitura in questo post.
Vi piace?

lunedì 1 gennaio 2018

Felice 2018!

 Inizia un nuovo anno. 
Sappiamo bene che, come ogni anno, ci porterà gioie e dolori, periodi di salute e di acciacchi, periodi di serenità e periodi di ansie e preoccupazioni. E che continueranno ad arrivare brutte notizie dai mezzi di comunicazione che niente hanno a che fare con la pace che tutti auspichiamo. Ma oggi vogliamo  fortemente credere che non sarà così, che sarà un anno migliore degli anni passati.  Che possa davvero essere un anno di pace, salute e serenità per tutti.


domenica 31 dicembre 2017

Raduno dell'Isola creativa e swap "Colazione di Natale"

Anche quest'anno, in barba ai tanti problemi  e impedimenti, siamo riuscite ad organizzare un raduno natalizio del forum Isola creativa Ci siamo riunite il 17 dicembre, a Palermo, come di consueto per il raduno invernale. Grazie prima di tutto a lei per l'ospitalità e alla cortesia di Anna e di suo marito che, visto il brutto tempo, mi hanno addirittura prelevata al mio arrivo alla stazione ferroviaria.

Eravamo in poche quest'anno. Ancora meno del solito. Ma le ore sono volate via veloci, troppo veloci,  tra un caffè o un té, un bel po' di tempo piacevolmente passato ad uncinettare e a chiacchierare, un buon pranzo organizzato con la collaudata formula "ognuna porta qualcosa" e il nostro consueto swap.

Normalmente organizziamo un mini corso su una nuova tecnica che una di noi insegna alle altre, ma sia l'anno scorso che quest'anno, abbiamo deciso di aderire all'iniziativa benefica di un gruppo di signore palermitane che alacremente creano coperte per i numerosi senzatetto della città. In pratica ci sono tante donne che uncinettano o  lavorano a maglia quadrati di 15 cm di lato, ovviamente con i filati e i punti più disparati, e poi c'è sempre qualche volontaria che assembla le coperte e  le consegna  a sfortunate persone che vivono in strada. E in questa stagione c'è molto freddo, anche a Palermo. E vedere che qualcuno dedica un po' del suo tempo per alleviare i tuoi disagi deve essere qualcosa che riscalda più il cuore che la pelle.  Una di queste volontarie è una di noi, iscritta al forum da sempre. Non rivelo chi sia perché credo che non ne abbia mai parlato sul suo blog, probabilmente per riservatezza e perché il bene si fa con discrezione. Ma vi dico che ci ha contagiate, eccome!

Dopo la mattinata passata ad uncinettare piastrelle eravamo a questo punto.


No, un attimo, non abbiamo il turbo nelle mani. E' solo che ognuna di noi aveva portato da casa un po' di piastrelle già pronte. Però siamo state brave eh! A fine giornata ne abbiamo contate ben 36 in tutto. Peccato che ho dimenticato di fotografarle tutte. Erano proprio belle tutte quante impilate, pronte per essere cucite insieme.

All'ora di pranzo ecco che  il tavolo da lavoro si è trasformato in tavola imbandita. Gnam gnam...era tutto buonissimo!
Volete conoscere il menu?
Insalata di pasta con verdure 
Finta frittata di farina di ceci e zucchine , ricetta qui
Misto di verdure invernali al forno, ricetta in questo video 
Buonissimo pane con olive 
Chiffon cake speziata e sofficissimissima (spero di recuperare la ricetta al più presto perché era veramente strepitosa) 
Arance affettate e profumate con cannella 
E poi c'erano i favolosi buccellati preparati da mio padre di cui ho dato la ricetta qui, qualche anno fa.

Capite bene che quando abbiamo finito pesavamo qualche chilo in più tutte quante. 

Nel pomeriggio abbiamo uncinettato ancora e poi ci siamo scambiate i nostri pacchetti dello swap  che quest'anno aveva come tema la "Colazione di Natale".
A me è andata troppo di lusso! La sorte mi ha assegnato il pacco preparato da Anna. Guardate che po' po' di regali c'erano dentro...


A parte i biscotti speziati e la scatolina in ceramica piena di una profumatissima tisana, sono tutti regali handmade: un bellissimo quadretto con Babbo Natale, un cucchiaio di legno dipinto e addobbato in tema natalizio, una tovaglietta e una tazza dipinti con lo stesso simpatico soggetto. E scusate se è poco! Quando ho sistemato tutto a casa mia  sembravano tutte cose fatte apposta per stare lì, proprio dove sono adesso. E anche i biscotti e la tisana stanno proprio dove dovevano stare: sono già belli che finiti! Ma siamo stati bravi io e la mia famiglia.   I biscotti erano irresistibili ed  è stato davvero difficile centellinarli. Ma ce l'abbiamo fatta a farli durare fino alla colazione di Natale. Grazie Annaaaaaaa!!!

Questo era invece il ben più modesto contenuto del mio pacco che è toccato a Clara.


Uno stampo per torte a forma di albero di Natale e un preparato per biscotti in barattolo. L' handmade è il centrino all'uncinetto in cotone ecrù che, insieme a un nastrino a pois, alla ricetta e a una formina per biscotti, decora il barattolo.

Purtroppo preparare ogni sera il post del Calendario dell'Avvento sul forum ha occupato praticamente la totalità del tempo che di solito dedico ai miei hobbies e quindi, per quest'anno non ho potuto fare di più per lo swap. 
Per eseguire il centrino non ho seguito uno schema, nè una spiegazione.  L'ho copiato da una foto trovata su Pinterest. 

Alla fine, dopo i saluti e gli auguri, speravo di fare una bella passeggiata fino alla stazione centrale, per godermi la bella atmosfera natalizia di una Palermo vestita e illuminata a festa, ma il brutto tempo me l'ha impedito. E così ho acciuffato un autobus al volo e via a prendere il treno.
E, come sempre capita alla fine di ogni raduno, c'è sempre la voglia di rivedersi al più presto. Peccato per i tanti impegni di ciascuna di noi, altrimenti sarebbero delle giornate da ripetere sicuramente più spesso.

Bene, vi faccio fin d'ora tanti auguri di una serena fine d'anno, di un felice Capodanno e di uno strepitoso 2018.  Ma ci sarà un altro post per gli auguri domani. Promesso!

domenica 24 dicembre 2017

Buon Natale a tutti!

E siamo alla Viglilia. Un augurio di pace, gioia e serenità a tutti coloro che passano da questo blog.
Felice Natale!